Dubai, la perla degli Emirati


Grattacieli imponenti, lusso sfrenato, atmosfere da “Le mille e una notte”… Una città che fa sognare e che oggi è diventata un’icona, lo status symbol del Medio Oriente e degli Emirati Arabi: Dubai. Poche ore di volo e ci si ritrova catapultati in una realtà diversa, piena di modernità e di cultura. Ogni anno la città cambia, si ingrandisce, si arricchisce di nuovi edifici e spettacolari costruzioni avveniristiche. Spiagge bianche e lunghissime, mare caldo, accoglienza da sogno, golf, escursioni nel deserto, shopping sfrenato. C’è davvero l’imbarazzo della scelta!

Simboli di Dubai? Sicuramente il super fotografato Burj-al-Arab, il lussuosissimo albergo a sette stelle, a forma di vela, con camere e servizi da capogiro; oppure il Burj Khalifa, il più alto grattacielo mai realizzato. I suoi quasi 830 metri dominano la città e lasciano senza fiato! Le sue dimensioni sono apparentemente improbabili e la sua costruzione inizialmente ha fatto discutere non poco. L’impatto visivo è impressionante! La convivenza di queste costruzioni con le moschee, i musei e i bellissimi palazzi degli sceicchi è in sintonia, nessuna stonatura. Chi ha messo le basi per edificare in città, ha saputo integrare benissimo la modernità con la tradizione.

Il lussuosissimo Burj-al-Arab

L’impressionante mole del Burj Khalifa

Da non perdere il Dubai Creek, il canale che divide in due la città, tranquillamente navigabile con l’abra, il taxi d’acqua. È un punto di partenza ideale per iniziare a orientarsi, con una bella crociera che, in circa un’ora, percorre i suoi 11 chilometri di lunghezza: rilassante ed entusiasmante.

Visuale dal Dubai Creek

Gli abra – i caratteristici taxi d’acqua

Il quartiere di Bastakiya cattura lo sguardo con le sue torri del vento e le sue moschee storiche, come la Grande Moschea, con il minareto più alto della città. Le 9 grandi cupole e le 45 cupole più piccole la rendono un luogo di culto importante e caratteristico. Possono entrare solo i musulmani, ma la visita all’esterno ha comunque il suo fascino: è impensabile non ammirarne lo splendore esagerato. Di notte, poi, le foto sono sensazionali.

Per gli amanti della storia e della cultura, il Museo di Dubai ospita una collezione di manufatti rappresentante la vita economica e sociale della città nella sua antichità, prima della scoperta del petrolio. Vale la pena anche solo la visita dell’esterno, per il Forte ottocentesco.

Il quartiere di Deira richiama invece l’attenzione con i suoi caratteristici souk e con la strada che costeggia il fiume, indimenticabile all’alba e al  tramonto. La Moschea di Jumeirah è uno dei punti di riferimento della città. La costruzione lascia nel cuore un senso di pace, grazie anche al suo candore, che viene valorizzato con le luci del tramonto. Una bellezza architettonica unica! Jumeirah Beach, nelle vicinanze, è la spiaggia pubblica super attrezzata, tra il centro di Bur Dubai e l’albergo Burj al-Arab. Il parco circostante, verde e curatissimo, fa difficilmente pensare d’essere in una zona desertica. La sabbia è bianca e finissima, il mare cristallino. Come essere ai tropici!

Il candore della Moschea di Jumeirah

Colori, profumi e sapori del souk

Gli irresistibili colori della spiaggia di Jumeirah, circondata da grattacieli

In questa città sempre in crescita e in trasformazione, potevano mancare altre costruzioni bizzarre? Ovviamente no. Si parla delle Palm Islands, le tre isole artificiali: Palm Jumeirah e Palm Jebel Ali, già realizzate e in fase d’ampliamento, e Palm Deira, ancora in fase di lavorazione. Queste isole racchiudono interi centri residenziali, con ville da sogno e molto altro. The World, invece, è un progetto ancora in evoluzione e con le sue 300 isole artificiali, rappresentanti un facsimile in miniatura del nostro mondo, ha avuto un arresto momentaneo a causa di alcuni rapporti negativi sulla sabbia, che sembrerebbe affondare.

Vista di un tratto delle Palm Islands

Dubai è anche safari nel deserto, avventura ed emozione.  Il tragitto sulle alte dune di sabbia in veicoli quattro per quattro è indimenticabile, soprattutto se vissuto con il tramonto sullo sfondo e mente si gusta un buon the del deserto in un villaggio beduino, con speciali racconti di vita quotidiana. Ancor piú emozionante è il giro in cammello: da provare assolutamente! Prima di rientrare tra i grattacieli, per finire in bellezza, l’ideale è assaporare una cena tipica beduina sotto le stelle, con musica. Così Dubai entra ancora di più nel cuore di chi la visita e la vive in tutti i suoi aspetti.

Escursione nel deserto e colori del tramonto

Una divertente gita in cammello

Una crociera in dhow (o sambuco), la tipica imbarcazione, prima di salutare la città, lascia impresso nella mente un bellissimo ricordo. La barca scivola con lentezza sul fiume, e permette di conoscere il resto di Dubai da una prospettiva diversa.

Crociera in dhow per ammirare la città

Per descrivere Dubai le parole non sono mai abbastanza; bisogna viverla ed assaporare la sua essenza. Girarla, vederla, sentirla, fotografarla ed amarla!!! I ricordi sono assicurati!

2 pensieri su “Dubai, la perla degli Emirati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...